“Sic Transit Gloria Mundi”, l’intervista agli spettatori

“Sic Transit Gloria Mundi”, l’intervista agli spettatori

Il 3 Agosto il giardino segreto ha aperto le scene per ospitare lo spettacolo vincitore del bando “L’Italia dei visionari” edizione 2016/2017.

Il titolo in latino, SIC TRANSIT OMNIA MUNDI, avvolgeva lo spettacolo in un alone di mistero decifrabile solo dopo la lettura della trama, di cui mi ha colpito questa domanda: “E se il prossimo papa fosse donna?”. Incuriosita dalla descrizione dello spettacolo nel programma, ho pensato di fermare alcune persone tra il pubblico sia prima sia dopo l’esibizione, cercando di capire se fossero stati attirati come me dal titolo e dalla storia raccontata, cosa si aspettassero, i loro commenti finali.

a cura di Sara Tonini

leggi tutto
Le Città Visibili, alcuni “Visionari” si raccontano

Le Città Visibili, alcuni “Visionari” si raccontano

Annalisa ha 21 anni, è counselor del benessere. Marisa Evangelista di anni ne ha 52 e dirige un’azienda di commercio import-export. Eugenio ha 29 anni, è progettista di impianti elettrici. Graziano di anni ne ha 57 ed è segretario generale della Cgil. La zona territoriale che occupano si snoda dal mare per raggiungere i paesi interni – da Rimini a San Marino passando per Santarcangelo e Villa Verucchio.

articolo di Francesca Giuliani

leggi tutto
Scipione va a teatro, alla scoperta della Rimini del passato con Kantharos aps

Scipione va a teatro, alla scoperta della Rimini del passato con Kantharos aps

Abbiamo incontrato Michele Vescio, presidente dell’Associazione Kantharos, per farci raccontare in cosa consiste il loro progetto e da dove deriva il legame con le Città Visibili. L’associazione si inserisce per la prima volta nel programma del festival, con quattro serate dal titolo “Scipione va a teatro”. È un’occasione unica per immergersi nella storia di Rimini attraverso quattro itinerari che hanno come punto di partenza il giardino di Palazzo Lettimi.

articolo di Camilla Gamberini

leggi tutto
Il racconto della terza serata del festival e l’intervista a Riccardo Sinigallia

Il racconto della terza serata del festival e l’intervista a Riccardo Sinigallia

Una serata magica all’insegna del grande cantautorato, quella di domenica 23 luglio, la terza del festival “Le Città Visibili”, che ha visto come protagonisti per primi Riccardo Amadei e Les pastìs, formazione tutta riminese e infine l’attesissimo Riccardo Sinigallia accompagnato dal fedele Francesco Valente.

articolo di Elisa Gardini e Sara Tonini, foto di Fabio Gervasoni

leggi tutto
Le città visibili e Parco Poesia, il reading di Maria Antonietta

Le città visibili e Parco Poesia, il reading di Maria Antonietta

Maria Antonietta, pseudonimo di Letizia Cesarini, è una delle voci più originali del panorama indie-rock italiano del momento. Nella serata di sabato 21 luglio, la cantautrice ha emozionato il pubblico del giardino di Palazzo Lettimi con un reading “acustico”, dove musica e poesia hanno convissuto in perfetto equilibro tra di loro.

a cura di Sara Tonini

leggi tutto
Le Città Visibili e Parco Poesia, l’intervista ai giovani protagonisti

Le Città Visibili e Parco Poesia, l’intervista ai giovani protagonisti

Un Festival della poesia giovane in cerca di dimora, un giardino quasi segreto che si apre solo due settimane l’anno e tre donne che si incontrano e si riconoscono subito. Così nasce la collaborazione tra il Festival Parco Poesia e Le Città Visibili. Punto di riferimento per la poesia giovane ed esordiente, Parco Poesia porta ogni anno a Rimini quasi 100 poeti tra grandi maestri e giovani esordienti, che quest’anno hanno riempito di parole piene e leggere la magica cornice del giardino di Palazzo Lettimi (qui un approfondimento sull’allestimento).

Abbiamo deciso di intervistare quattro giovani promesse. Le domande erano uguali. Le risposte, invece, sono tutte diverse e disegnano mondi unici che non hanno bisogno di ulteriori parole.

articolo di Marta Lovato

leggi tutto
Le Città Visibili, chi sono gli artisti riminesi che apriranno le serate musicali del festival

Le Città Visibili, chi sono gli artisti riminesi che apriranno le serate musicali del festival

Saranno gli artisti del nostro territorio ad avere gli oneri e gli onori di aprire le tre serate del festival dedicate alla musica e al cantautorato contemporaneo.

Domenica 23 luglio, prima di Riccardo Sinigallia, saliranno sul palco Riccardo Amadei e Les Pastìs, con il loro folkautorato d’autore, a metà tra canzone d’autore e avanguardia. A condividere il palco con Nada, la sera del primo giorno di agosto, ci sarà Houdini Righini, con le sue atmosfere elettroniche. Il 5 agosto si esibiranno gli Alternative Station, gruppo emergente della scena rock, reduce dall’esibizione del 1 luglio al Modena Park Rock con Vasco Rossi.

a cura di Elisa Gardini

leggi tutto
Novensemble, ecco chi sono gli ospiti della prima serata del festival Le Città Visibili

Novensemble, ecco chi sono gli ospiti della prima serata del festival Le Città Visibili

L’onore dell’opening di questa edizione è affidato agli strumentisti de L’Orchestra Senzaspine/Novensemble, che dalle ore 21:00 si esibirà presentando lo spettacolo Classic’n’Pop, un originale concerto che spazia tra vari generi, dalla musica classica al rock, in un gioco fra strumenti musicali e pubblico.

a cura di Daniele Pagnoni e Jessica Valentini

leggi tutto
Le città visibili, l’allestimento degli spazi del festival

Le città visibili, l’allestimento degli spazi del festival

Passione. Recupero. Romanticismo. Chic. White.

Cinque parole, come cinque sono le dita di una mano, la sapiente mano della talentuosa Federica Urbinati, architetto, responsabile dell’allestimento del giardino di Palazzo Lettimi che ospiterà quest’anno la quinta edizione del festival Le Città Visibili. Federica nutre una vera e propria passione per il suo lavoro e per l’arredamento di interni in particolare, ma lo spazio verde del Lettimi l’ha letteralmente fatta innamorare poiché è un giardino che secondo lei parla da solo. La sensibilità di Federica risiede nel saper umanizzare e rivalorizzare, per la durata del festival, quell’altrimenti dimenticato angolo verde della città.

articolo di Antonella Silvia Vivenzio

leggi tutto

Pin It on Pinterest

Share This